Terra Libera Quarto

Vai ai contenuti

Menu principale:

SOSTIENI LA NOSTRA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO TERRA LIBERA QUARTO DONA IL TUO 5 X MILLE
CODICE FISCALE 96032730630

 

L'Associazione di volontariato Terra Libera Quarto nasce dall'esperienza pluriennale di attività volte alla prevenzione, la sensibilizzazione, la cura e la riabilitazione della persona con problemi di dipendenze (alcol, droghe, gioco d'azzardo, ecc.) attraverso una metodologia basata sul principio dell’auto-mutuo-aiuto, incentrata sulla partecipazione e sulla responsabilizzazione delle famiglie.
L’Approccio Ecologico Sociale è la cornice entro la quale si applica il metodo Hudolin che stabilisce la centralità del suo agire nella dimensione antropologico-spirituale (o socio-culturale), intesa come lettura multidimensionale dell’essere umano, nella sua complessità e nella sua rete inesauribile di relazioni. E’ una cornice mobile, dinamica, ricca di sfumature, capace di comunicare ed interagire favorendo il cambiamento.
Ed è proprio questa dinamicità che ha portato negli ultimi anni ad ampliare la nostra mission che oggi è visibile nell’offerta al territorio di Quarto (Na) di diversi spazi di crescita, di consapevolezza e di cittadinanza attiva attraverso percorsi, progetti, attività, corsi e servizi finalizzati a produrre benessere personale, familiare e sociale sempre di più in un’ottica di sostenibilità sociale e ambientale.
I percorsi attivati sulla consapevolezza del femminile hanno favorito l'espansione, la creatività e  la connessione con la Madre Terra nella quale oggi si radica il proficuo lavoro di tutta l'Associazione.
Sostenibilità significa, alla luce di questa esperienza,  recuperare la persona che si è convinta di essere uno “scarto”, un “rifiuto” della società e restituirgli il concetto di salute inteso come ben-essere, dignità ed opportunità. Questo favorisce in tutti un senso di responsabilità e di appartenenza e ci collega e ci connette alla realizzazione di un mondo più vivibile ed equo per noi e per le generazioni future. E’ questo il cambiamento in cui crediamo per noi stessi ma che non si realizza pienamente se non insieme a coloro che questa società considera “ultimi”.


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu